Next Post

I consacrati, sentinelle nella notte

di Chiesa Cattolica Italiana Questa epidemia, “che ci obbliga a rimanere isolati, paradossalmente ci costringe a credere ancora di più alla comune appartenenza al Corpo di Cristo, a quella comunione nella quale il bene compiuto da ciascuno – per quanto piccolo o nascosto, non importa – ridonda a servizio di tutti”. Lo scrive mons. Stefano Russo, segretario generale della Cei, che insieme ai direttori degli Uffici Cei, ha voluto rivolgere un pensiero agli “uomini e donne di vita consacrata che, condividendo la condizione di tutti, abitate le vostre comunità o la solitudine delle vostre case portando nell’animo il peso dell’angoscia […]