“E quello per questo è un sogno”

admin

Successo di pubblico

DI GIOVANNI DELLA CORTE

Successo venerdì scorso per lo spettacolo andato in scena presso il Teatro Civico 14 di Caserta dal titolo “E quello per questo è un sogno”. Nato da un progetto della Compagnia Teatrale Mutamenti/Teatro Civico 14, in collaborazione con APS Il Picchio e l’Unità Operativa di Salute Mentale del Distretto Sanitario n° 21 di Santa Maria Capua Vetere, la messa in scena è una tappa di un percorso di ricerca, iniziato presso la struttura sanitaria sammaritana nel 2007, rivolto a cittadini /utenti dell’UOSM e aperto ad attori e artisti, curiosi ed amici che negli anni hanno condiviso le loro emozioni con operatori e con i curatori del percorso. Sulle tavole del teatro casertano gli attori hanno rappresentato un desiderio, la volontà di andare oltre l’apparenza, di scoprire nell’altro uno sguardo diverso. Corpi, parole, occhi. Quelli dello spettatore sempre pronto a giudicare, quelli dell’altro sempre pronto a compatire. E poi quelli dei protagonisti sulla scena con sguardi sinceri e pieni ma anche impigriti davanti alla tv, alla costante rappresentazione di una vita che non è per tutti ma che per molti è un sogno. Al termine dello spettacolo, al quale erano presenti tra gli altri, l’Arcivescovo di Capua Monsignor Salvatore Visco, l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Santa Maria Capua Vetere Rosida Baia e il Direttore dell’UOSM, Gaetano De Mattia, applausi convinti del numeroso pubblico per l’ideatore scenico e direttore del laboratorio Rosario Lerro, per gli attori Denise Alluzzi, Vincenzo Bellaiuto, Ilaria Delli Paoli, per l’educatrice di comunità Enza Gravante ed i cittadini/utenti dell’UOSM sammaritana. Lo spettacolo rientrava nel quadro del Festival Quartieri di Vita 2019/2020 organizzato dalla Fondazione Campania Festival.

2
Next Post

Messaggio dell’Arcivescovo III domenica di Quaresima

15 MARZO 2020 – PRIMA DOMENICA SENZA MESSA Carissimi fratelli, oggi è la prima domenica nella quale i fedeli laici sono privati della S. Messa.Vi ricordo la coraggiosa testimonianza dei martiri di Abitene; al processo che li porterà alla tortura e alla morte gridano ai persecutori: “Sine Dominico non possumus”, non possiamo vivere senza celebrare l’Eucaristia nel Giorno del Signore!Per noi – come invece ad Abitene nell’anno 304 – non ci sono persecutori che ci impediscono di partecipare alla Divina Liturgia, ma la necessità che nasce da una tragica emergenza provocata dalla grave pandemia. Sappiate però che i sacerdoti celebrano tutti […]