Cristo ammonisce un uomo e una donna

admin

Il vangelo dipinto: VI domenica del Tempo Ordinario Mt 5,17 – 37

DI DON FRANCESCO DUONNOLO

È la continuazione del discorso della montagna, Gesù è nelle vesti del legislatore, confrontando il codice ebraico, chiedendo rispetto a questo, qualcosa in più “se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e farisei non entrerete nel Regno dei cieli” Mt 5,20. L’opera artistica presa in esame oggi, è una miniatura fiorentina del primo XVI secolo, il foglio 138 di un libro corale che si trova nella Biblioteca Medicea di Firenze. Cristo ammonisce un uomo e una donna riguardo al divorzio, visualizzando uno degli esempi di osservanza spirituale della legge che Gesù offre “Chi ripudia la propria moglie, le dia l’atto di ripudio, ma io vi dico. Chiunque ripudia la propria moglie, eccetto il caso di concubinato, la espone all’adulterio e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio” (Mt 5, 31 – 32). La miniatura evoca la soluzione cristiana a simili situazioni, situando la figura di Cristo al centro tra l’uomo e la donna che non sono più giovanissimi, su uno sfondo di particolare bellezza, un paesaggio variegato con alberi, monti e un grande lago. L’artista cioè evoca l’Eden, il principio, la creazione una sorta di lex naturalis. Cristo benedice la donna a cui sta fisicamente più vicino, mentre sembra ammonire l’uomo, quasi a difendere i diritti della donna. Notasi di come la donna tiene nella mano destra l’orlo del manto di Cristo; un’allusione del miracolo dell’emorroissa, in cui la fede coraggiosa della donna sofferente le aveva ottenuta una guarigione profonda. (Mt 9, 18 – 22). Quest’opera traduce in senso visivo – iconologico l’ingiunzione agli sposi cristiani di essere “sottomessi gli uni gli altri nel timore di Cristo” Ef 5,21). Questo ci dice che la giustizia umana, per andare oltre un vuoto legalismo, deve attingere dal mistero Rivelato nella croce dal Salvatore; che i nostri rapporti tra cui quello matrimoniale) hanno bisogno di Colui che crocifisso è potenza di Dio e sapienza di Dio (cf 1 Cor 1,24) Come gli sposi della miniatura fiorentina dobbiamo chiedere a Cristo, presente tra noi, di guarire le nostre divisioni ed insegnarci ad amare e amarci.

1
Next Post

Libertà dei cristiani in Terra Santa

La Lectio Magistralis di Monsignor Pizzaballa DI CS Evento storico il prossimo 24 febbraio 2020 al Dipartimento di Giurisprudenza (Aulario) di Via Perla a Santa Maria Capua Vetere. Sua Beatitudine, il Patriarca dei Latini di Gerusalemme, Monsignor Pierbattista Pizzaballa di ritorno da Bari (dal Sinodo dei Vescovi e dal suo incontro con il Pontefice), e prima di rientrare in Terra Santa, si fermerà a Santa Maria Capua Vetere, di cui peraltro è Cittadino Onorario. Sara’ ospitato dall’Università Statale Luigi Vanvitelli per una Lectio Magistralis sulla Libertà dei cristiani in Terra Santa. Nell’occasione, presenterà il libro scritto dall’avv. Raffaele G. Crisileo […]