Un cammino d’amore. Ho incontrato te, Gesù, ed ogni cosa in me è cambiata.

Vincenza Conte

Di Vincenza Conte

Domenica 2 giugno, diciassette bambini della comunità parrocchiale San Vito Martire in Ercole hanno partecipato per la prima volta ed in modo pieno all’incontro con Gesù Eucaristia. Il meraviglioso incontro con Gesù, vero Pane di Vita, rappresenta per ciascun bambino il coronamento di un percorso di fede vissuto con impegno, gioia, e l’immancabile desiderio di fare amicizia con un compagno di viaggio davvero speciale, Gesù. Le nostre parrocchie vivono un tempo di grazia tutto da assaporare. Numerosi bambini si sono accostati, o sono in procinto di farlo, per la prima volta alla mensa eucaristica; i cresimandi di “confermare” la presenza vivifica dello Spirito Santo; alcuni giovani si sono incamminati verso la bellezza del discernimento vocazionale; e molte coppie hanno vissuto con consapevolezza la realtà sacramentale del matrimonio cristiano, divenendo segno, epifania e manifestazione dell’amore di Dio dentro la storia. Tempo di grazia senza scadenza, che ha il volto della gratitudine piena, tracimante d’amore, che ti abbraccia e riveste di gioia a tal punto da poter dire unicamente “grazie, Signore”! Anche ad Ercole nella comunità San Vito Martire, dopo il completamento degli itinerari di fede intrapresi, è tempo di ringraziare il Signore per le meraviglie compiute. 37 bambini hanno vissuto con pienezza un cammino durato due anni e conclusosi nella trepidante attesa del magico incontro con Gesù Eucaristia, nel giorno della loro Prima Comunione. Divisi in due turni, i piccoli hanno accolto il Sacramento dell’amore. “Cari genitori, la Chiesa ci raduna per celebrare un giorno di grande gioia. Oggi i vostri figli riceveranno per la prima volta Gesù, vivo e vero nel Sacramento dell’Eucaristia. Da oggi si incammineranno, con il vostro aiuto e con quello della nostra comunità parrocchiale, verso un’esperienza di vita nuova, che vedrà al loro fianco il Signore Gesù”. Con queste parole, nel silenzio emozionante di una Chiesa gremita e radunata in festa, lo scorso 2 giugno don Gennaro Fusco ha aperto la liturgia domenicale, celebrando un giorno atteso e preparato. Giorno di esultanza per l’intera comunità parrocchiale, avvolta dalla tenerezza dei più piccoli. Mano sinistra sul cuore, mentre nella destra un fiore: un giglio, simbolo di purezza ed innocenza. Ricolmi di luce i bambini hanno fatto il loro ingresso in Chiesa, presentandosi all’altare affiancati dall’amorevole presenza dei loro genitori e acclamati con canti di gioia. Tra l’adrenalina del momento, la purezza dei loro sguardi, la voce rotta dall’emozione, le manine giunte e gli occhi spalancati all’amore, hanno vissuto un giorno indimenticabile e significativo per la loro vita cristiana. Nel corso della celebrazione tutti si sono resi protagonisti di momenti di forte intensità, e realmente tutti sono stati coinvolti in totale pienezza per vivere con unicità il loro meraviglioso giorno. “Avevamo già sentito parlare di te, Gesù. Eri per noi una figura meravigliosa, ma ancora imprecisa, come una fotografia sfuocata. In questi anni abbiamo imparato a conoscerti e ad amarti. Ora sei il nostro migliore amico, grazie Gesù”. E’ un estratto della preghiera di ringraziamento che i bambini hanno offerto al Signore. Al termine della celebrazione una sorpresa ha disegnato lo stupore sul volto dei presenti, diciassette palloncini, e per ciascuno una preghiera annodata e preparata dagli stessi ragazzi, sono volati in cielo in segno di ringraziamento. Mano nella mano in un lungo cerchio d’amore, Padre Gennaro e le catechiste hanno salutato ciascuno di loro con viva commozione. Per tutti, l’augurio sincero di un lungo cammino d’amore insieme al Signore.

Related posts