Strage di Capaci: Chiesa, Scuola e Associazione Nazionale Magistrati insieme per non dimenticare

Quadriportico

L’Istituto Comprensivo Fieramosca-Martucci e la Commissione per la Pastorale Sociale e del Lavoro dell’Arcidiocesi di Capua hanno organizzato il 23 maggio scorso una marcia in ricordo di Giovanni Falcone. Il magistrato venne assassinato ventisei anni fa, mentre rientrava da Roma a Palermo, insieme alla moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta, Vito Schifani, Antonio Montinaro e Rocco Dicillo. Gli studenti hanno percorso le strade del centro storico della città di Capua arrivando nella Basilica Cattedrale dove sono stati accolti da don Gianni Branco, don Antonio Mingione e don Valerio Lucca. Gli alunni hanno cantato, esibito striscioni e giunti nel quadriportico hanno lanciato in cielo palloncini colorati in segno di pace. Grande soddisfazione da parte della dirigente scolastica Patrizia Comune. Hanno partecipato all’iniziativa l’assessore comunale alla cultura Carlo Crispino, il giudice Valentina Ricchezza dell’associazione nazionale magistrati e l’avvocato Giuseppe Simeone per la commissione PSL dell’Arcidiocesi di Capua che ha ricordato, agli oltre trecento studenti presenti, le parole che l’Arcivescovo Salvatore Visco aveva pronunciato pochi giorni fa agli alunni di Santa Maria Capua Vetere. “Noi riusciremo a migliorare il territorio e la società cambiando essenzialmente noi stessi. Se non cambiamo il cuore, se non cambiano noi stessi difficilmente riusciremo a cambiare la società. Voi potete farlo, avete la forza e la gioventù”.

Related posts